It IT/Releases/12/Features/VirtStorageManagement

From FedoraProject

< It IT | Releases(Difference between revisions)
Jump to: navigation, search
(Altre informazioni)
(Altre informazioni)
Line 48: Line 48:
 
[[Category:F-12 Features IT|{{SUBPAGENAME}}]]
 
[[Category:F-12 Features IT|{{SUBPAGENAME}}]]
 
[[Category:Virtualization IT|{{SUBPAGENAME}}]]
 
[[Category:Virtualization IT|{{SUBPAGENAME}}]]
 +
[[Category:Italiano]]

Revision as of 17:47, 2 February 2010

Contents

Sommario

Abilta gli host delle macchine virtuali, host VM, ad esplorare nuove storage SAN (Storage Area Network), eseguire operazioni NPIV (N_Port ID Virtualization) e configurazioni di base su dispositivi multipath.

Progettista

Stato corrente

Descrizione dettagliata

Breve ripasso

Le macchine virtuali ospiti possono attualmente usare storage SAN (Storage Area Network), ma gli amministratori devono configurare i storage manualmente usando dei tools distinti da libvirt. La caratteristica di questo progetto consentirà agli amministratori di trovare i storage e presentarli alle macchine virtuali usando libvirt.

Le operazioni di un CED (Centro Elaborazione Dati o DataCenter) di solito sono suddivise in aree funzionali: il team d'amministrazione del server, il team d'amministrazione SAN, ed altri (rete, ecc.) non rilevanti per questa discussione. All'interno del gruppo d'amministrazione del server, spesso si creano dei sotto-gruppi per ciascun S.O. Quando si rende disponibile una nuova applicazione, gli amministratori SAN provvedono allo storage e avvisano ciascun sotto-gruppo responsabile di procedere all'installazione del S.O. Quando diventa disponibile lo storage, le informazioni trasmesse dagli amministratori SAN agli amministratori del server possono esere più o meno complete. Il messaggio minimo può essere del tipo "Ho provveduto ai LUN, e dovresti poterli vedere. I LUN sono 27, 28, 29 e 53" (n.d.T. LUN: Logical Unit Number). L'amministratore del server non può sapere attraverso quali target o host il nuovo storage sarà accessibile, ma una scansione di tutti gli host adapter mostrerà le nuove uintà logiche della dimensione richiesta con i numeri 27, 28, 29 e 53 su alcuni target ed alcuni host, e l'amministratore concluderà, ragionevolemte, che queste unità logiche sono i nuovi storage.

Mentre libvirt attualmente è in grado di usare storage SAN, manca ancora per ora della capacità di segnalare i nuovi storage e di creare virtual host adapters usando NPIV. Il sottogruppo responsabile di ciascun S.O. che gestisce l'host della VM deve essere coinvolto per garantire che l'host riconosca il nuovo storage. Inserendo in libvirt la capacità di gestire storage permetterà al responsabile di ciascun S.O. di completare la produzione della VM.

Implementazione

Le API di libvirt già permettono di trovare storage e di creare pool. Queste funzionalità saranno allargate per permettere di trovare e ricontrollare storage basati su SCSI-host. Le API del dispositivo nodale saranno estese per consentire la creazione e rimozione di virtual adapters usando NPIV.

Vantaggi per Fedora

Gli amministratori potranno provvedere storage alle macchine virtuali (VM) usando lo stesso insieme di strumenti impiegati per gestire le VM.

Documentazione

Altre informazioni

Per:

  • Obbiettivi
  • Test Plan
  • Esperienza Utente
  • Dipendenze
  • Progetto corrente
  • Note di rilascio
  • Commenti e Discussioni

consultare la pagina originale di questo documento.