It IT/Come creare ed usare un supporto Live USB

From FedoraProject

Jump to: navigation, search

Questa pagina spiega come creare ed usare un supporto Live USB. Un sistema Live USB, salvato su una flash memory, normalmente detta chiavetta USB, consente ad un PC avviabile da tale supporto, di avviare il sistema operativo Fedora presente sulla chiavetta, senza minimanente utilizzare il disco rigido. La chiavetta Live USB è caratterizzata da un'area, detta persistent overlay (area di peristenza), in cui sono salvati i cambiamenti al sistema. Ma lachiavetta può contenere anche un'altra area separata, in cui salvare le informazioni e i dati utente, come documenti, e file scaricati, con possibilità di cifrare il suo contenuto. Infine, in una installazione non-distruttiva, i file pre-esistenti e lo spazio rimanente sulla chiavetta, restano accessibili al sistema. In sostanza, puoi portare con te un vero e proprio sistema ed avviarlo da ogni macchina disponibile.

Note.png
Quick start
Il processo per la maggior parte delle persone è molto semplice. Quasi tutte le chiavette USB in commercio sono già pronte per essere utilizzate. Se si hanno dati importanti sulla chiavetta, è una buona idea creare, prima di iniziare, una copia di backup.

Poi riavviare il sistema ed impostare l'avvio del PC dal supporto USB -- nella prima schermata di avvio, generalmente occorre premere dei tasti speciali, come F12 o Canc. (Vedi il manuale allegato al PC per sapere come impoostare le opzioni di boot del PC). Poi ... prova!

Per approfondire i dettagli tecnici o avere altre informazioni, leggi l'ampia spiegazione più avanti.
Warning (medium size).png
Uso di UNetbootin
Per informazioni su UNetbootin, vedere questa nota sulla pagina dei problemi relativi a F12. UNetbootin dalla versione 393 è in grado di creare chiavette Live USB di Fedora. Se si sta usando una versione meno recente, si puo scaricare una versione aggiornata dal sito di UNetbootin.

Contents


Important.png
Creating Live CD ISO image
Un sistema Live USB è creato dalla stessa immagine ISO che viene usata per creare i supporti Live CD/DVD. Si possono scaricare le immagini ISO per il rilascio ufficiale Fedora dalla pagina di download Fedora. Consultare How to create and use a Live CD per maggiori informazioni sulla creazione della propria immagine ISO personalizzata.
Note.png
Formato comandi
Le righe che iniziano con "$" indicano comandi da digitare (non includere $; indica la linea di comando); le sottostanti righe rappresentano il risultato tipico. Ci sarà necessità di eseguire alcuni comandi come amministratore.

Requisiti di sistema

  • Un computer funzionante con Fedora o Windows
  • Un flash drive USB, anche conosciuto come pendrive, pennino, chiavetta USB, con 1 GB o più di spazio di archiviazione e con filesystem vfat (standard per quasi tutti i supporti USB da scaffale)

Possibilità di avvio da supporto USB

Sebbene la maggior parte dei computer moderni possono essere avviati da supporto USB, non tutti supportano questa possibilità a causa di differenti impostazioni di BIOS e funzionalità di sistema. Se il computer in possesso non lo supporta, questa procedura non sarà utile. Se non si è certi, scaricare ed installare un'immagine disco nel proprio flash drive USB (possibilmente cancellando tutti i dati) non è un problema, l'unico rischio è la perdita di tempo.

Se il flash drive USB non è preparato, questa procedura potrebbe fallire. Leggere i messaggi d'errore durante il processo.

Alcune dispositivi potrebbero non essere avviabili come impostazione predefinita, anche se l'hardware supporta l'avvio da flash drive. Potrebbe essere necessario marcare la partizione come avviabile o semplicemente riformattare. Fare riferimento alla voce "Errori e Soluzioni" per maggiori informazioni.

Controllare la dimensione del flash drive USB

In molti flash drive USB la dimensione è indicata nella confezione o all'esterno del dispositivo.

Se non si conosce la dimensione del dispositivo, o si vuole controllare se ci sono dati, si dovrebbe essere in grado di montare il flash drive inserendolo in una porta USB. Si possono controllare i contenuti e dimensione usando il file manager grafico. In Linux si può usare anche la linea di comando:

$ df -h
Filesystem         Dimens. Usati Disp. Uso% Montato su
/dev/mapper/VolGroup00-LogVol00
                      143G   14G  122G  10% /
/dev/sda1              99M   12M   82M  13% /boot
tmpfs                1009M     0 1009M   0% /dev/shm
/dev/sdb1             3.9G  4.0K  3.9G   1% /media/usbdisk

I flash drive USB vengono solitamente montati in /media. In questo caso il dispositivo è /dev/sdb1 ed ha una capacità di 3.9GB, è praticamente vuoto.

Prendere nota di "/dev/sdb1" o equivalente; si dovrà specificare il nome del dispositivo in caso che si utilizzi il metodo via linea di comando.

Come partizionare

Warning (medium size).png
ATTENZIONE
Questo cancellerà tutti i dati nel drive USB! Si prega di leggere le istruzioni sottostanti attentamente.

Se il flash drive non è stato partizionato adeguatamente (o se non si è certi che lo sia), usare fdisk per ripartizionare.

E' anche possibile fare un'installazione non distruttiva di una immagine Live USB, se si ha spazio libero a sufficienza. (Vedere "Installazione USB non-distruttiva" sotto.)

Il comando fdisk deve essere eseguito come superutente (root). Includere solo il nome del dispositivo nel comando, non il numero di partizione. Siate sicuri di selezionare il disco corretto, o si potrebbero cancellare dati importanti! Controllare il risultato di "df -h" se non si è sicuri. Per esempio, se la partizione è /dev/sdb1, digitare:

$ /sbin/fdisk /dev/sdb

Se non si ha fdisk installato, eseguire "yum install util-linux-ng" come superutente (root).

Il seguente resoconto di sessione fdisk mostra le risposte da dare alle domande. La linea che inizia per Last cylinder ... si riferisce alla dimensione del dispositivo flash, quindi può essere differente dall'esempio.

 
Comando (m per richiamare la guida): d
Selected partition 1

Comando (m per richiamare la guida): n
Command action
e   extended
p   primary partition (1-4)
p
Partition number (1-4): 1
First cylinder (1-960, default 1):
Using default value 1
Last cylinder or +size or +sizeM or +sizeK (1-960, default 960):
Using default value 960

Comando (m per richiamare la guida): t
Selected partition 1
Hex code (type L to list codes): 6
Changed system type of partition 1 to 6 (FAT16)

Comando (m per richiamare la guida): a
Partition number (1-4): 1

Comando (m per richiamare la guida): w
The partition table has been altered!

Calling ioctl() to re-read partition table.

WARNING: If you have created or modified any DOS 6.x
partitions, please see the fdisk manual page for additional
information.
Syncing disks.

Come formattare

Warning (medium size).png
ATTENZIONE
Questo cancellerà tutti i dati nel drive USB! Si prega di leggere le seguenti istruzioni con attenzione.

Se il flash drive USB ha spazio libero a sufficienza ed è già formattato in vfat, non è necessario seguire questo passo.

Per finire, la partizione deve essere formattata con un file system attuale usando mkdosfs come superutente (root). Smontare il dispositivo prima di usare mkdosfs. Nell'esempio sottostante, /dev/USBPARTITIONNAME potrebbe essere, per esempio, /dev/sdb1. Siate sicuri di selezionare la partizione corretta; Formattare distrugge tutti i dati in essa!

$ umount /dev/USBPARTITIONNAME
$ /sbin/mkdosfs -F 16 -n usbdisk /dev/USBPARTITIONNAME

Se mkdosfs non è installato, eseguire "yum install dosfstools" come superutente (root).

Installazione USB non-distruttiva

Saltare i passi sovrastanti per ripartizionare e formattare, e semplicemente continuare con i passi successivi. Si prega di tenere a mente che sarà necessario almeno 1GB libero. Si raccomanda di fare una copia di backup dei dati sul dispositivo USB prima di procedere nel caso che qualcosa vada storto.

Da un'immagine scaricata

Scaricare una ISO

(Se si sta usando liveusb-creator - il metodo "grafico" -, con una versione Fedora "supportata", si può saltare questo passo. Il programma scaricherà la ISO per voi.)

Si può usare BitTorrent o il proprio browser web per scaricare un'immagine avviabile, o ISO, da poter installare sul flash drive USB. Collegamenti rapidi:

Si cerca un file con "Live" nel nome, solitamente la forma è "F<versione>-Live-<architettura>.iso". Per esempio, "F10-i686-Live.iso" è la versione Fedora 10 per CPU 32-bit Pentium Pro e compatibili. "F11-Alpha-x86_64-Live.iso" è la versione preliminare alpha di Fedora 11 per CPU 64-bit Intel-compatibili. Siate sicuri di scegliere il file corretto per la propria architettura. (i rilasci 32-bit generalmente girano su hardware a 64 bit, ma non sono ottimizzati.)

Queste istruzioni funzioneranno anche per le Spin personalizzate delle immagini ISO Live Fedora, incluse le proprie fatte con Revisor (uno strumento grafico), o LiveCD Creator (strumento a linea di comando usato da Revisor). (Pungi è uno strumento a linea di comando che si può usare per creare ISO, ma non ISO live.)

Metodo Grafico - Windows o Linux

I flash drive Fedora LiveUSB si possono creare in Windows e Linux usando liveusb-creator.

Per Windows fare i seguenti passaggi:


Se si sta utilizzando Linux, si può eseguire Aggiungi/Rimuovi Programmi e cercare liveusb-creator oppure nella linea di comando:

$ su -c "yum install liveusb-creator"
Note.png
Creare LiveUSB di versioni preliminari usando Fedora 10
Per creare un LiveUSB delle versioni preliminari di Fedora 11 è necessaria l'ultima versione di Package-x-generic-16.pngsyslinux, che è attualmente disponibile in Rawhide e dell'ultimo liveusb-creator in Windows.

Gli utenti di Fedora 10 e precedenti possono aggiorare all'ultimo pacchetto Package-x-generic-16.pngsyslinux usando questo comando:

$su -c "yum --enablerepo=rawhide update syslinux"

Per avviarlo, eseguire "liveusb-creator" sulla linea di comando, oppure nel menu di GNOME, andare su "Applicazioni -> Strumenti di sistema -> liveusb-creator".

Metodo linea di comando - Solo Linux

Negli esempi seguenti, sostituire "/path/to/ISO" con es. F10-Live-i686.iso oppure il percorso completo alla ISO scaricata, es. /tmp/F10-Live-i686.iso.

Sostituire /dev/USBPARTITIONNAME con il nome appropriato della partizione. Per esempio, /dev/sdb1 nell'esempio sopra ("Controllare la dimensione del dispositivo USB"). Fate attenzione nello specificare il dispositivo corretto o si potrebbero perdere dati importanti!

Controllare livecd-tools

Controllare che l'RPM di livecd-tools sia installato.

$ rpm -q livecd-tools

Si vedrà il nome dell'RPM ed il numero di versione se è installato; se non lo è non vi sarà alcun risultato.

Se "livecd-tools" non è installato, installarlo usando yum.

$ su -c "yum install livecd-tools"
Note.png
Creare LiveUSB di versioni preliminari usando Fedora 10
Per creare un LiveUSB delle versioni preliminari di Fedora 11 è necessaria l'ultima versione di Package-x-generic-16.pngsyslinux, che è attualmente disponibile in Rawhide e dell'ultimo liveusb-creator in Windows.

Gli utenti di Fedora 10 e precedenti possono aggiorare all'ultimo pacchetto Package-x-generic-16.pngsyslinux usando questo comando:

$su -c "yum --enablerepo=rawhide update syslinux"

Avviare lo script livecd-iso-to-disk

Siate sicuri che il flash drive USB non sia montato prima di eseguire i passi seguenti, ed inserite la password di root quando richiesta.

$ su -c "livecd-iso-to-disk /path/to/ISO /dev/USBPARTITIONNAME"
Password:
Copying live image to USB stick
Updating boot config file
Installing boot loader
USB stick set up as live image!

Persistenza dati

Persistenza dati significa che i file e le impostazioni rimarrano anche dopo il riavvio del sistema live. La persistenza è supportata a partire da Fedora 9 (beta). L'utilizzo principale di questa caratteristica è l'avvio di un flash drive USB con l'immagine live, con i cambiamenti fatti nella persistenza. Per farlo, basta dare il comando seguente:

$ livecd-iso-to-disk --overlay-size-mb 512 /path/to/ISO /dev/USBPARTITIONNAME

dove 512 è la grandezza desiderata (in megabyte) dell'overlay. Lo script shell livecd-iso-to-disk non accetta valori maggiori di 2047 per l'overlay. Lo script shell livecd-iso-to-disk si trova nella directory del LiveOS al livello superiore dell'immagine CD. Notare che è necessario avere spazio sul flash drive USB per l'immagine live più l'overlay più altri dati che si intende memorizzare sul flash drive.

Flash drive USB avviabile da un Live CD/DVD in funzione

Se si sta usando già un live CD o DVD e lo si vuole convertire in un flash drive USB avviabile, eseguire il seguente comando:

$ livecd-iso-to-disk /dev/live /dev/USBDEVICENAME

Come avviare un flash drive Live USB

  • Spegnere il computer.
  • Inserire il flash drive in una porta USB.
  • Rimuovere tutti gli altri supporti portatili, come CD, DVD, o floppy disk.
  • Accendere il computer.
  • Se il computer è configurato per avviarsi automaticamente da dispositivi USB, si vedrà una schermata che dice "Automatic boot in 10 seconds..." con un conto alla rovescia.
  • Se il computer si avvia dal disco rigido, sarà necessario configurarlo manualmente per farlo avviare dal dispositivo USB.
    • Attendere il momento giusto per riavviare in sicurezza.
    • Quando il computer comincerà a riavviarsi, leggere attentamente le istruzioni a schermo su quale lettera premere (solitamente un tasto funzione o Escape) per entrare nel menu di selezione del dispositivo di avvio o "BIOS setup". Premere e tener premuto questo tasto. Se non si fa in tempo (solitamente dura pochi secondi) riavviare e ritentare.
    • Usare il menu di setup BIOS per impostare il flash drive USB come primo dispositivo nella sequenza di boot. Potrebbe essere elencato come disco rigido piuttosto che come disco rimovibile. Ogni produttore hardware ha un metodo lievemente differente per farlo. Siate prudenti! Il computer potrebbe diventare non avviabile o perdere funzionalità se si cambiano altre impostazioni. Sebbene queste impostazioni possano essere annullate, avrete bisogno di ricordare ciò che si è modificato in modo da farlo.
    • Salvate i cambiamenti, uscite, ed il computer si dovrebbe avviare con il flash drive Live USB.

Errori e Soluzioni

Problemi di liveusb-creator

La Partizione non è marcata come avviabile!

Se si ottiene il seguente messaggio, è necessario marcare la partizione come avviabile.

$ livecd-iso-to-disk Fedora-<release>-Live-i686.iso /dev/sdb1
Partition isn't marked bootable!
You can mark the partition as bootable with 
    $ /sbin/parted /dev/sdb
    (parted) toggle N boot
    (parted) quit
Cleaning up to exit...

Per marcare la partizione come avviabile,

$ parted /dev/sdb
GNU Parted 1.8.6
Using /dev/sdb
Welcome to GNU Parted! Type 'help' to view a list of commands.
(parted) print                                                            
Model: Imation Flash Drive (scsi)
Disk /dev/sdb: 1062MB
Sector size (logical/physical): 512B/512B
Partition Table: msdos

Number  Start   End     Size    Type     File system  Flags
 1      32.3kB  1062MB  1062MB  primary  fat16             

(parted) toggle 1 boot
(parted) print                                                    
Model: Imation Flash Drive (scsi)
Disk /dev/sdb: 1062MB
Sector size (logical/physical): 512B/512B
Partition Table: msdos

Number  Start   End     Size    Type     File system  Flags
 1      32.3kB  1062MB  1062MB  primary  fat16        boot 

(parted) quit                                                             
Information: Don't forget to update /etc/fstab, if necessary.             

La partizione necessita di una etichetta di filesystem!

Se si ottiene il seguente messaggio, è necessario etichettare la partizione.

$ livecd-iso-to-disk Fedora-<release>-Live-i686.iso /dev/sdb1
Need to have a filesystem label or UUID for your USB device
Label can be set with /sbin/dosfslabel
Cleaning up to exit...

Per etichettare la partizione.

$ dosfslabel /dev/sdb1 usbdisk

La partizione ha finali fisico/logico diversi!

Se si ottiene il seguente messaggio, è necessario riformattare il flash drive.

$ fdisk -l /dev/sdb

Disk /dev/sdb: 2029 MB, 2029518848 bytes
129 heads, 32 sectors/track, 960 cylinders
Units = cylinders of 4128 * 512 = 2113536 bytes

Device Boot      Start         End      Blocks   Id  System
/dev/sdb1   *           1         961     1981936    6  FAT16
Partition 1 has different physical/logical endings:
phys=(967, 128, 32) logical=(960, 31, 32)

Il MBR appare vuoto!

Se l'avvio di prova riporta un settore di avvio corrotto o si ottiene il seguente messaggio, è necessario reinstallare il MBR.

$ livecd-iso-to-disk Fedora-<release>-Live-i686.iso /dev/sdb1
MBR appears to be blank.
You can add an MBR to this device with
Cleaning up to exit...

Per installare il MBR,

$ cat /usr/lib/syslinux/mbr.bin > /dev/sdb

Errore di Boot SYSLINUX!

Se si sta usando lo script nelle precedenti versioni di Red Hat o rilasci Fedora e si ottiene il seguente messaggio,

SYSLINUX 3.xx ... EBIOS Load error - Boot error

E' necessario aggiornare syslinux alla versione 3.50 o superiore da SYSLINUX di Peter Anvin.

Testare l'immagine Live su USB

Si può testare l'immagine Live su USB usando QEMU come mostrato nello screenshot a destra.

FedoraLiveCD USBHowTo usb flash with qemu.png

Per esempio, se il flash drive USB è su /dev/sdb1, si può scrivere il seguente comando:

$ umount /dev/sdb1
$ qemu -hda /dev/sdb -m 256 -std-vga

Vedere anche

Red Hat Magazine | I am Fedora, and so can you!

Riferimenti