From Fedora Project Wiki
m (Other Device)
m
 
(56 intermediate revisions by 3 users not shown)
Line 1: Line 1:
 
{{autolang}}
 
{{autolang}}
  
{{admon/warning|Nota| Questa pagina non è ancora completamente tradotta. <br/> This page is not completely translated yet. }}
+
{{admon/warning | ATTENZIONE! | FedUp (FEDora UPgrader) era lo strumento ufficiale per l'aggiornamento tra i rilasci Fedora, ora abbandonato con l'introduzione del plugin [[DNF_system_upgrade|'''DNF system upgrade''']]. FedUp è quindi obsoleto e non dovrebbe essere più usato in alcuna circostanza: il contenuto di questa pagina è da ritenere NON UTILIZZABILE.}}
 
 
{{admon/warning|Considerazioni per la sicurezza| FedUp non assicura ancora che venga avviato solo software sicuro da Fedora sul proprio sistema quando si effettua un upgrade da rete. Far riferimento al [[rhbug:877623|Bug: #877623]] per maggiori dettagli.
 
E' possibile scaricare le immagini ISO e verificarne l'autenticità indipendentemente prima dell'upgrade con Fedup tramite media o tramite immagini per risolvere questi problemi; comunque l'upgrade da rete è ancora l'opzione raccomandata visto che permette una migliore gestione dei pacchetti. Si noti che ne Anaconda ne il PreUpgrade verificano l'autenticità della fonte.}}
 
  
 
= Cos'é FedUp ? =
 
= Cos'é FedUp ? =
  
FedUp (FEDora UPgrader) è il nome del nuovo sistema d'aggiornamento (upgrade) delle installazioni Fedora a partire da Fedora 18 Spherical Cow. Rimpiazza tutti gli attuali metodi raccomandati di upgrade ([[PreUpgrade]] e DVD) che sono stati usati nei rilasci precedenti a Fedora 18. Anaconda, l'installer di Fedora non ha alcuna funzionalità d'aggiornamento integrata fino a Fedora 18, tale funzionalità è stata delegata completamente a Fedup.
+
FedUp (FEDora UPgrader) è lo strumento ufficiale per l'aggiornamento (upgrade) delle installazioni Fedora. Anaconda, l'installer di Fedora, non ha alcuna funzionalità d'aggiornamento integrata; tale funzionalità è stata delegata completamente a Fedup.
  
Ad oggi, FedUp è in grado di aggiornare installazioni di Fedora 17 Beefy Miracle a Fedora 18 Spherical Cow usando un repository di rete con un funzionamento simile a [[PreUpgrade]]. '''Molti metodi d'aggiornamento sono attualmente in pianificazione e, a tal proposito, questa pagina verrà aggiornata seguendone gli sviluppi'''.
+
Ad oggi, FedUp è in grado di aggiornare qualsiasi attuale installazione Fedora usando un repository di rete o un DVD come sorgente di pacchetti.
  
{{admon/warning|Fedora 16 e precedenti| Il client FedUp non costruisce od avvia nulla di più vecchio di Fedora 17. Se si vuole aggiornare partendo da un rilascio più vecchio di Fedora 17, si prega di seguire le istruzioni per l'[[Upgrade|upgrade]] a Fedora 17 prima di continuare.}}
+
= Cosa fa FedUp ? =
  
= Cosa fa FedUp ? =
+
FedUp consiste in due parti: il '''client''' usato per scaricare i pacchetti e per la preparazione all'upgrade ed un ambiente di pre-avvio che effettua l'attuale aggiornamento usando [[Systemd|systemd]] e [[dnf]] (o yum). Maggiori dettagli sono disponibili in [http://ohjeezlinux.wordpress.com/2012/11/13/fedup-a-little-background/ un articolo sul blog del principale autore di FedUp]
  
FedUp consiste in due parti: il '''client''' usato per scaricare i pacchetti e per la preparazione all'upgrade ed un ambiente di pre-avvio che effettua l'attuale aggiornamento usando [[Systemd|systemd]] e yum. Maggiori dettagli sono disponibili in [http://ohjeezlinux.wordpress.com/2012/11/13/fedup-a-little-background/ un articolo sul blog del principale autore di FedUp]
+
I file vengono scaricati in <code>/var/cache/system-upgrade</code> poi automaticamente rimossi ad upgrade terminato.
  
 
== Il Client FedUp ==
 
== Il Client FedUp ==
  
Il Client di FedUp parte nel sistema che deve essere aggiornato. Raccoglie i pacchetti necessari per l'aggiornamento oltre a scaricare gli ''initramfs'' del kernel richiesti e necessari per l'aggiornamento vero e proprio. In questo momento è implementata la sola interfaccia a riga di comando di fedup ma ci si aspetta un'interfaccia GUI prima del rilascio di Fedora 18.
+
Il Client di FedUp parte nel sistema che deve essere aggiornato. Raccoglie i pacchetti necessari per l'aggiornamento oltre a scaricare gli ''initramfs'' del kernel richiesti e necessari per l'aggiornamento vero e proprio. In questo momento è implementata la sola interfaccia a riga di comando di fedup ma si aspetta anche un'interfaccia GUI.
  
 
== L'Upgrade ==
 
== L'Upgrade ==
Line 27: Line 24:
  
 
= Domande frequenti =
 
= Domande frequenti =
== Posso aggiornare un sistema Fedora 16 con FedUp ? ==
 
No, non è attualmente possibile. Il client FedUp non parte su Fedora 16 ma bisogna avviarlo necessariamente almeno in Fedora 17. Se si sta aggiornando da Fedora 16, usare Preupgrade.
 
 
 
== Come posso riportare eventuali problemi trovati durante gli aggiornamenti ? ==
 
== Come posso riportare eventuali problemi trovati durante gli aggiornamenti ? ==
Innanzitutto leggere [[Common F18 bugs#Upgrade_issues]] per sapere se il problema è tra quelli conosciuti. Se non lo è, il componente principale del problema dipende dall'esatta questione che s'incontra:
+
Innanzitutto leggere [[Common F21 bugs]] or [[Common F22 bugs]] per sapere se il problema è tra quelli conosciuti. Se non lo è, il componente principale del problema dipende dall'esatta questione che s'incontra:
  
 
=== Questioni nella preparazione all'aggiornamento ===
 
=== Questioni nella preparazione all'aggiornamento ===
Line 46: Line 40:
  
 
== FedUp verifica il software che avvia od installa durante l'upgrade ? ==
 
== FedUp verifica il software che avvia od installa durante l'upgrade ? ==
Questa è una funzionalità in pianificazione. Vedere il [https://bugzilla.redhat.com/show_bug.cgi?id=877623 Bug 877623] per aggiornamenti sul suo stato.
 
  
== Dove posso chiedere ? ==
+
Sì. Le chiavi di firma del pacchetto per ogni nuovo rilascio di Fedora vengono inviate alle release precedenti in modo da permettere a FedUp di verificare l'integrità dei pacchetti che scarica. E' possibile disabilitare questa funzione con il parametro --nogpgcheck.
Per adesso, il posto migliore per fare domande è probabilmente il canale {{fpchat|#fedora-qa}} su Freenode IRC o la mailing list {{fplist|test}}.
+
 
 +
== I pacchetti dei repository terzi verranno aggiornati? ==
 +
 
 +
, se sono impostati come normali repository yum/DNF. I repositry terzi comunemente usati funzionano bene, a meno che non si tenti un upgrade troppo presto rispetto all'uscita della nuova Fedora, infatti potrebbero non essere aggiornati con la stessa tempestività di quelli ufficiali. Tuttavia questo non impedisce di avviare Fedora con successo.
 +
 
 +
== Posso usare FedUp per aggiornare la mia Fedora ad una pre-release (ad esempio una beta)? ==
 +
 
 +
Sì. Successivamente alla diramazione di un nuovo rilascio di Fedoa, è possibile passare ad una pre-release con FedUp, anche con i rilasci della alpha e della beta.
 +
 
 +
Leggere questa [http://lists.fedoraproject.org/pipermail/devel/2013-May/183508.html email] per maggiori dettagli.
  
 
= Come posso aggiornare il mio sistema con FedUp? =
 
= Come posso aggiornare il mio sistema con FedUp? =
Line 55: Line 57:
 
Come accennato sopra, ci sono tre passaggi per aggiornare con FedUp - preparazione, esecuzione e pulizia.
 
Come accennato sopra, ci sono tre passaggi per aggiornare con FedUp - preparazione, esecuzione e pulizia.
  
Prma di iniziare qualsiasi operazione, assicurarsi di aver dato uno sguardo a [[Common F18 bugs#Upgrade_issues]] e letto qualcosa riguardo ai bug conosciuti.
+
Prma di iniziare qualsiasi operazione, assicurarsi di aver dato uno sguardo a [[Common F21 bugs#Upgrade_issues]] or [[Common F22 bugs#Upgrade_issues]] ed aver letto qualcosa riguardo ai bug conosciuti.
 +
 
 +
== Upgrade da Fedora 20 o precedente: i Products ==
 +
Al fine di scegliere uno dei nuovi prodotti Fedora, FedUp ha una nuova opzione:"--product=<PRODUCT>". Quando si parte da Fedora 20 o precedente per aggiornare a  Fedora 21 o successiva, bisogna passare l'opzione {{code|--product}}.
 +
 
 +
E' possibile usare i seguenti valori {{code|workstation}}, {{code|server}}, {{code|cloud}} o {{code|nonproduct}}. Se si aggiorna a [[Workstation]] o [[Server]], tutti i pacchetti che vengono inclusi nella installazione predefinita di quella scelta verranno installati dopo l'upgrade. La propria configurazione del firewall verrà inoltre resettata a quella predefinita del prodotto voluto (Product) (nella Workstation, si tratta di una configurazione discretamente aperta). Se non si desidera resettare la configurazione del firewall, usare il valore {{code|nonproduct}}.
  
 
== Preparazione ==
 
== Preparazione ==
{{admon/important|Ultimo fedup|Assicurarsi di aver installato l'ultima versione del client fedup sul sistema da aggiornare. Ad oggi (2013-01-08), è fedup-0.7.2-1.fc17}}
 
  
 
# Fare un aggiornamento completo del sistema e riavviare per essere sicuri che qualsiasi modifica kernel sia stata effettuata
 
# Fare un aggiornamento completo del sistema e riavviare per essere sicuri che qualsiasi modifica kernel sia stata effettuata
 
# Installare {{package|fedup}}
 
# Installare {{package|fedup}}
#* Assicurarsi di avere l'ultima versione, questo potrebbe implicare l'abilitazione del repository updates-testing ('''<code>yum --enablerepo=updates-testing install fedup</code>''')
+
# Di solito, meglio prima provare l'ultimo fedup disponibile nei repository stabili. Se si incontrano problemi con l'upgrade ed è disponibile un nuovo fedup nei updates-testing, allora è possibile utilizzarlo
 +
  {{command|yum --enablerepo<nowiki>=</nowiki>updates-testing install fedup}}
 +
oppure con dnf:
 +
  {{command|dnf --enablerepo<nowiki>=</nowiki>updates-testing install fedup}}
 +
 
 +
# Assicurarsi di usare un kernel fornito da Fedora se possibile -- se si usa un kernel proprio che non ha un corrispondente initramfs, l'upgrade fallirà.
  
 
Ci sono tre opzioni per cercare i pacchetti necessari - usare un repository di rete, un file ISO locale od un dispositivo locale (hard drive, disco ottico, etc.).
 
Ci sono tre opzioni per cercare i pacchetti necessari - usare un repository di rete, un file ISO locale od un dispositivo locale (hard drive, disco ottico, etc.).
  
{{admon/important|L'aggiornamento da rete è fortemente raccomandato|E' fortemente raccomandato usare la rete invece delle modalità d'aggirnamento offline (ISO, dispositivo locale). L'aggiornamento online assicurerà di ricevere gli ultimissimi pacchetti da Fedora 18. In caso contrario, si potrebbe ottenere un mix di pacchetti Fedora 17 e 18 ed il sistema potrebbe non funzionare adeguatamente.}}
+
{{admon/important|L'aggiornamento da rete è fortemente raccomandato|E' fortemente raccomandato usare la rete invece delle modalità d'aggirnamento offline (ISO, dispositivo locale). L'aggiornamento online assicurerà di ricevere gli ultimissimi pacchetti. In caso contrario, si potrebbe ottenere un mix di pacchetti vecchi e nuovi ed il sistema potrebbe non funzionare adeguatamente.}}
  
 
=== Rete ===
 
=== Rete ===
Usare una sorgente d'aggiornamento online è il metodo più facile, implica il richiamo dei pacchetti più aggiornati possibile eliminando potenziali intoppi quando il sistema dispone dell'ulitmissimo kernel.
+
Usare una sorgente d'aggiornamento online è il metodo più facile, implica il richiamo dei pacchetti più aggiornati possibile eliminando potenziali intoppi quando il sistema dispone dell'ultimissimo kernel.
 
 
# Iniziare la preparazione eseguendo il seguente comando
 
#* {{command|sudo fedup-cli --network 18 --debuglog fedupdebug.log}}
 
# Una volta completata, controllare il file {{filename|fedupdebug.log}} per sapere se alcun errore è apparso da {{command|fedup-cli}}
 
  
=== File ISO ===
+
Iniziare l'upgrade utilizzando i seguenti comandi
Per usare un file ISO, serve averlo localmente sul filesystem del sistema da aggiornare. La documentazione è scritta come se fosse /home/user/fedora-18.iso ma è necessario sostituire tutte le istanze di quel percorso con il percorso effettivo della ISO. Gli aggiornamenti verranno recuperati con l'accesso alla rete sulla macchina da aggiornare.
 
  
# Scaricare la ISO Fedora {{FedoraVersion}} appropriata per l'architettura in uso
+
* {{command|sudo yum update fedup fedora-release}}
#* Per esempio, presumiamo che la ISO sia {{filename|/home/user/fedora-18.iso}} ma potrebbe essere ovunque nel filesystem.
 
# Iniziare la preparazione eseguendo il seguente comando come root
 
#* <nowiki> fedup-cli --iso /home/user/fedora-18.iso --debuglog=fedupdebug.log</nowiki>
 
# Una volta completata, controllare il file {{filename|fedupdebug.log}} per sapere se alcun errore è apparso da {{command|fedup-cli}}
 
  
=== Altri dispositivi ===
+
oppure con dnf in Fedora 22+:
Dispositivi ottici ed altro stoccaggio montabile possono anche essere utilizzati come fonte di pacchetti per le preparazioni.
 
  
# Montare la sorgente
+
* {{command|sudo dnf upgrade fedup fedora-release}}
#* Per esempio, supponiamo che tale sorgente sia montata in {{filename|/mnt/fedora}} ma si potrebbe montarla ovunque indicandone l'esatta collocazione.
 
# Iniziare la preparazione eseguendo il seguente comando come root
 
#* <nowiki> fedup-cli --device /mnt/fedora --debuglog=fedupdebug.log</nowiki>
 
# Una volta completata, controllare il file {{filename|fedupdebug.log}} per sapere se alcun errore è apparso da {{command|fedup-cli}}
 
  
== Executing the Upgrade ==
+
Se si sta aggiornando da Fedora 20 a Fedora 21, eseguire il seguente comando:
{{admon/warning|Needs Reference|This section still needs a reference to the 'esc kills plymouth' bug once a suitable summary has been written}}
 
  
# Reboot the system if {{command|fedup}} has completed without error.
+
* <code>sudo fedup --network 21 --product=[workstation | server| cloud | nonproduct]</code>
# Once the system reboots, there should be a new entry in the GRUB menu titled {{command|'''System Upgrade'''}}.
 
#* If you add <code>rd.upgrade.debugshell</code> boot argument, you will get a login shell on VT2, allowing you to tinker with the system in case something goes wrong
 
# Select the {{command|'''System Upgrade'''}} option from the GRUB menu
 
# The system should boot into the upgrade process and a plymouth boot screen should be displayed
 
#* If you press 'esc', a more detailed log of progress will be desplayed but if you switch back to the graphical progress indicator, it will remain at 0% for the remainder of the upgrade but that does not mean the upgrade has stopped. See '''Need section reference here once it's written'''
 
# Once the upgrade process has completed, the system will reboot and an option to boot {{FedoraVersion|long|current}} will be on the grub menu
 
  
== GRUB Updates ==
+
Se si sta aggiornando da Fedora 21 a Fedora 22, eseguire il seguente comando:
{{admon/warning|Needs update|This part of the documentation is '''updating'''.}}
 
  
{{admon/note|Somewhat Optional|While updating GRUB on your upgraded system isn't strictly required, it is recommended for BIOS systems and '''very strongly''' recommended for UEFI systems due to the transition from grub-efi to grub2-efi}}
+
* {{command|sudo fedup --network 22}}
  
=== Updating GRUB2 (BIOS systems) ===
 
  
* '''After upgrade, the grub2 you're booting from will still be the F17 version; upgrading must be done manually'''
+
Una volta completati, controllare che il file {{filename|/var/log/fedup.log}} non mostri alcun errore da {{command|fedup}}
* Follow the steps in [[GRUB_2|this grub2 page]] to reinstall and update grub
 
  
=== Updating GRUB (UEFI systems) ===
+
=== File ISO ===
 +
I rilasci più vecchi di Fedora includevano un'immagine d'installazione con un gran numero di pacchetti, che li rendeva adatti per l'aggiornamento di alcuni sistemi. L'aggiornamento, avviando questa immagine, era possibile fino a Fedora 17, mentre l'uso della stessa immagine con FedUp era supportato fino a Fedora 20. A partire da Fedora 21, il DVD immagine universale non viene prodotto per Fedora 21 e successive; per ora, non ci sono supporti disponibili per gli aggiornamenti offline.
  
Grub2 is not installed as part of the upgrade process, so you'll have to install it:
+
=== Altri dispositivi ===
<pre>
+
Dispositivi ottici ed altro stoccaggio montabile possono anche essere utilizzati come fonte di pacchetti per le preparazioni.
sudo yum install grub2-efi
 
</pre>
 
  
==== Migrating Grub Configuration ====
+
# Montare la sorgente
Unfortunately, most boot settings are not migrated to grub2 without manual intervention. To migrate these settings, you will need to look the existing grub configuration to migrate settings. Open the {{filename|/boot/efi/EFI/redhat/grub.conf}} and find the most recent boot entry. The version numbers don't need to exactly match the example, just find the most recent one.
+
#* Per esempio, supponiamo che tale sorgente sia montata in {{filename|/mnt/fedora}} ma si potrebbe montarla ovunque indicandone l'esatta collocazione.
 
+
# Iniziare la preparazione eseguendo il seguente comando
<pre>
+
#* {{command|sudo fedup --device /mnt/fedora --debuglog<nowiki>=</nowiki>fedupdebug.log}}
title Fedora (3.6.11-1.fc17.x86_64)
+
# Una volta completata, controllare il file {{filename|fedupdebug.log}} per sapere se alcun errore è apparso da {{command|fedup-cli}}
        root (hd0,2)
 
        kernel /vmlinuz-3.6.11-1.fc17.x86_64 rd.luks.uuid=luks-f664c3a9-e939-410e-8478-891f48b80f12
 
                rd.md=0 rd.dm=0  KEYTABLE=us SYSFONT=True rd.lvm.lv=vg_test/lv_root
 
                root=/dev/mapper/vg_test-lv_root ro rd.lvm.lv=vg_test/lv_swap
 
                LANG=en_US.UTF-8 rhgb quiet
 
        initrd /initramfs-3.6.11-1.fc17.x86_64.img
 
</pre>
 
  
We are '''not''' interested in all of the arguments following {{filename|kernel}}, mostly arguments which start with {{filename|rd.}} and a few other specific arguments. In the example listed above, we're interested in:
+
== Eseguire l'upgrade ==
<pre>
 
rd.luks.uuid=luks-f664c3a9-e939-410e-8478-891f48b80f12
 
rd.md=0
 
rd.dm=0
 
rd.lvm.lv=vg_test/lv_root
 
root=/dev/mapper/vg_test-lv_root
 
ro
 
rd.lvm.lv=vg_test/lv_swap
 
rhgb
 
quiet
 
</pre>
 
  
 +
# Riavviare il sistema se {{command|fedup}} ha finito senza errori.
 +
# Dopo il riavvio, ci dovrebbe essere una nuova voce nel menu GRUB titolata {{command|'''System Upgrade'''}}.
 +
# Selezionare l'opzione {{command|'''System Upgrade'''}}
 +
#*'''Nota:''' Se {{command|'''System Upgrade'''}} non viene mostrato nel grublist all'avvio, è probabile si stia utilizando un Grub differente, spesso installato da altre distribuzioni Linux. Per correggere, reinstallare Grub:
 +
#*# grub2-mkconfig -o /boot/grub2/grub.cfg
 +
#*# grub2-install /dev/sda '''(rimpiazzare /dev/sda con il proprio dispositivo d'avvio)'''
 +
# Il sistema dovrebbe avviare il processo di upgrade ed uno schermo plymouth dovrebbe apparire
 +
#* Esiste una shell root su VT2 in modo da poter sperimentare con il sistema se qualcosa va storto. (Per disabilitarlo, avviare con <code>rd.upgrade.noshell</code>)
 +
#* Se si preme 'esc', verrà mostrato un log dettagliato del processo; se si torna indietro, rimarrà allo 0% per il resto dell'aggiornamento ma questo non significa che l'aggiornamento si è fermato.
 +
# Una volta completato, il sistema si riavvierà ed apparirà un'opzione per l'avvio {{FedoraVersion|long|current}} nel menu di grub
  
To migrate the configuration, open {{filename|/etc/default/grub}} with sudo or as root and paste the following template in:
+
== Pulizia successiva all'upgrade ==
<pre>
 
GRUB_TIMEOUT=5
 
GRUB_DISTRIBUTOR="$(sed 's, release .*$,,g' /etc/system-release)"
 
GRUB_DEFAULT=saved
 
GRUB_CMDLINE_LINUX=""
 
GRUB_DISABLE_RECOVERY="true"
 
GRUB_THEME="/boot/grub2/themes/system/theme.txt"
 
</pre>
 
  
{{admon/note|non-us keymaps and languages|Need to write docs on how to figure out the vconsole lang and keymap args}}
+
<!-- Some of the stuff from [https://fedoraproject.org/wiki/User:Fenris02/Distribution_upgrades_and_cleaning_up_after_them] this post upgrade cleanup guide] might be wise -->
  
Take the kernel args that we extracted before and insert them inside the quotes following '''GRUB_CMDLINE_LINUX'''. In this example, it would look like the following. Note that formatting has been slightly altered for the wiki - there should be no newlines in the text following '''GRUB_CMDLINE_LINUX'''.
+
Vale la pena ricostruire il DB RPM per evitare errori ''rpmdb checksum'' quando si fa una sincronizzazione di distribuzione:
<pre>
 
GRUB_TIMEOUT=5
 
GRUB_DISTRIBUTOR="$(sed 's, release .*$,,g' /etc/system-release)"
 
GRUB_DEFAULT=saved
 
GRUB_CMDLINE_LINUX="rd.luks.uuid=luks-f664c3a9-e939-410e-8478-891f48b80f12
 
rd.md=0 rd.dm=0 rd.lvm.lv=vg_test/lv_root root=/dev/mapper/vg_test-lv_root
 
ro rd.lvm.lv=vg_test/lv_swap rhgb quiet"
 
GRUB_DISABLE_RECOVERY="true"
 
GRUB_THEME="/boot/grub2/themes/system/theme.txt"
 
</pre>
 
  
Now that we've migrated the required grub settings, we can wrap up by generating a new grub configuration using these new settings and symlinking this new configuration to {{filename|/etc/grub2-efi.cfg}}.
+
{{command|sudo rpm --rebuilddb}}
<pre>
 
grub2-mkconfig -o /boot/efi/EFI/fedora/grub.cfg
 
ln -s /boot/efi/EFI/fedora/grub.cfg /etc/grub2-efi.cfg
 
</pre>
 
  
==== Updating the EFI boot entry ====
+
C'é una serie di cose da fare dopo l'upgrade. Alcune delle quali vengono sistemate facendo una ''distro sync'':
Once the {{package|grub2-efi}} package is installed, we need to add a new EFI boot entry. The easiest way to do this is to just modify the command used when Fedora was first installed. Note that you will not be using the exact same command when upgrading to grub2 as the location of some files has changed. The older reference command can be found in <nowiki>/var/log/anaconda/anaconda.program.log</nowiki> and should end with a command similar to:
 
<pre>
 
efibootmgr -c -w -L Fedora -d /dev/sdX -p Y -l \EFI\redhat\grub.efi
 
</pre>
 
  
Find the current boot number for fedora using <code>efibootmgr</code>:
+
* {{command|sudo yum distro-sync --setopt<nowiki>=</nowiki>deltarpm<nowiki>=</nowiki>0}}
<pre>
 
efibootmgr -v
 
</pre>
 
  
You are looking for a line similar to:
+
Se si sta aggiornando a Fedora 22 e successive, eseguire invece il seguente comando:
<pre>
 
Boot0004* Fedora HD(1,800,34800,6733749f-b42a-4b8c-a0de-5a1d3505f8af)File(\EFI\redhat\grub.efi)
 
</pre>
 
  
The boot number in this example is 0004.
+
(Se si usa {{command|dnf}} la prima volta e si sta dietro ad un proxy, aggiungere le impostazioni del proxy stesso in {{command|/etc/dnf/dnf.conf}})
  
Remove the old boot entry using the following command, note that '''<nowiki><boot number></nowiki>''' is the boot number you found above:
+
{{command|sudo dnf distro-sync --setopt<nowiki>=</nowiki>deltarpm<nowiki>=</nowiki>0}}
<pre>
 
efibootmgr -b <boot number> -B
 
</pre>
 
  
{{admon/warning|Using Quotes|Make sure you put quotes around '\EFI\fedora\grubx64.efi' or bash will interpret \E, \f and \g as control characters and your system will not boot properly}}
+
* ''rpmconf'' cerca ''.rpmnew,'' ''.rpmsave'' e ''.rpmorig'' e chiede cosa farne. Mantiene la versione corrente, vede i diff (differenze) o i merge (giunzioni).
  
Once you have the command that was used and the boot number of the old boot entry, you can change it to use the new grub2-efi installation:
+
{{command|sudo yum install rpmconf}}
<pre>
 
sudo efibootmgr -c -w -L Fedora -d /dev/sdX -p Y -l '\EFI\fedora\grubx64.efi' -b <boot number>
 
</pre>
 
  
Now your system should have a working grub2-efi bootloader and it should be loaded when you reboot.
+
Se si sta aggiornando a Fedora 22 e successive, eseguire invece il seguente comando:
  
== Cleaning Up Post Upgrade ==
+
{{command|sudo dnf install rpmconf}}
  
{{admon/warning|Pending|This part of the documentation is still being written }}
+
{{command|sudo rpmconf -a}}
<!-- Some of the stuff from [http://fedorasolved.org/Members/fenris02/post_upgrade_cleanup this post upgrade cleanup guide] might be wise -->
 
  
Relevant Bugs: [https://bugzilla.redhat.com/show_bug.cgi?id=888085 Bug 888085]
+
* Se si utilizza google-chrome dal repository di Google, è necessario re-installarlo a causa di un bug di imballaggio. Assicurarsi di regolare il comando per il tipo di pacchetto che si desidera installare:
  
There are a collection of post-upgrade things to do. Some of which are fixed by doing a distro sync:
+
{{command|sudo yum remove google-chrome-\* && sudo yum install google-chrome-[beta,stable,unstable]}}
  
yum distribution-synchronization --disablepresto
+
Se si sta aggiornando a Fedora 22 e successive, eseguire invece il seguente comando:
  
If you are using google-chrome from the google repository, you must re-install google-chrome due to a packing bug on the Google side of things. Make sure to adjust the command to the build type you would like to install:
+
{{command|sudo dnf remove google-chrome-\* && sudo dnf install google-chrome-[beta,stable,unstable]}}
  
yum remove google-chrome-\* && yum install google-chrome-[beta,stable,unstable]
+
= Documenti da fare =
 +
* Scrivere una guida per il debug e la risoluzione dei problemi di fedup
 +
* Aggiungere note sui driver ''blob'' se necessario
  
= Docs TODO =
+
[[Category:Italiano]]
* Write fedup troubleshooting and debug guide
 
* add details for secureboot/shim installation
 
* write commonbugs entries and link to them from this page
 
* add note about blob drivers if needed
 
* add notes about how to use other repos or link to discussion/instructions
 

Latest revision as of 08:48, 4 November 2015

Warning.png
ATTENZIONE!
FedUp (FEDora UPgrader) era lo strumento ufficiale per l'aggiornamento tra i rilasci Fedora, ora abbandonato con l'introduzione del plugin DNF system upgrade. FedUp è quindi obsoleto e non dovrebbe essere più usato in alcuna circostanza: il contenuto di questa pagina è da ritenere NON UTILIZZABILE.

Cos'é FedUp ?

FedUp (FEDora UPgrader) è lo strumento ufficiale per l'aggiornamento (upgrade) delle installazioni Fedora. Anaconda, l'installer di Fedora, non ha alcuna funzionalità d'aggiornamento integrata; tale funzionalità è stata delegata completamente a Fedup.

Ad oggi, FedUp è in grado di aggiornare qualsiasi attuale installazione Fedora usando un repository di rete o un DVD come sorgente di pacchetti.

Cosa fa FedUp ?

FedUp consiste in due parti: il client usato per scaricare i pacchetti e per la preparazione all'upgrade ed un ambiente di pre-avvio che effettua l'attuale aggiornamento usando systemd e dnf (o yum). Maggiori dettagli sono disponibili in un articolo sul blog del principale autore di FedUp

I file vengono scaricati in /var/cache/system-upgrade poi automaticamente rimossi ad upgrade terminato.

Il Client FedUp

Il Client di FedUp parte nel sistema che deve essere aggiornato. Raccoglie i pacchetti necessari per l'aggiornamento oltre a scaricare gli initramfs del kernel richiesti e necessari per l'aggiornamento vero e proprio. In questo momento è implementata la sola interfaccia a riga di comando di fedup ma si aspetta anche un'interfaccia GUI.

L'Upgrade

L'aggiornamento attuale ha luogo quando il sistema viene riavviato dopo l'esecuzione del client fedup. I filesystem sono montati durante l'avvio, i pacchetti già scaricati vengono installati ed alcune attività relative all'aggiornamento vengono eseguite. Durante il processo di aggiornamento, un tema speciale plymouth è utilizzato per visualizzare una barra di avanzamento per indicare i progressi in corso.

Domande frequenti

Come posso riportare eventuali problemi trovati durante gli aggiornamenti ?

Innanzitutto leggere Common F21 bugs or Common F22 bugs per sapere se il problema è tra quelli conosciuti. Se non lo è, il componente principale del problema dipende dall'esatta questione che s'incontra:

Questioni nella preparazione all'aggiornamento

Per problemi del genere con il client FedUp (Package-x-generic-16.pngfedup) prima del riavvio, ricercare o riportare un bug in rapporto a fedup usando la versione di partenza dalla quale si aggiorna.

Questioni durante l'upgrade

Per i problemi incontrati dopo la preparazione ed al riavvio iniziale, ricercare o riportare un bug in rapporto a Package-x-generic-16.pngfedup-dracut usando la versione alla quale si sta aggiornando.

Questioni dopo l'upgrade

Per problemi con un pacchetto specifico, riportare un bug in rapporto al pacchetto stesso.

Come posso risolvere un problema durante l'upgrade ?

Una guida per la risoluzione ed il debug verrà presto redatta e collegata alla presente pagina wiki.

FedUp verifica il software che avvia od installa durante l'upgrade ?

Sì. Le chiavi di firma del pacchetto per ogni nuovo rilascio di Fedora vengono inviate alle release precedenti in modo da permettere a FedUp di verificare l'integrità dei pacchetti che scarica. E' possibile disabilitare questa funzione con il parametro --nogpgcheck.

I pacchetti dei repository terzi verranno aggiornati?

Sì, se sono impostati come normali repository yum/DNF. I repositry terzi comunemente usati funzionano bene, a meno che non si tenti un upgrade troppo presto rispetto all'uscita della nuova Fedora, infatti potrebbero non essere aggiornati con la stessa tempestività di quelli ufficiali. Tuttavia questo non impedisce di avviare Fedora con successo.

Posso usare FedUp per aggiornare la mia Fedora ad una pre-release (ad esempio una beta)?

Sì. Successivamente alla diramazione di un nuovo rilascio di Fedoa, è possibile passare ad una pre-release con FedUp, anche con i rilasci della alpha e della beta.

Leggere questa email per maggiori dettagli.

Come posso aggiornare il mio sistema con FedUp?

Come accennato sopra, ci sono tre passaggi per aggiornare con FedUp - preparazione, esecuzione e pulizia.

Prma di iniziare qualsiasi operazione, assicurarsi di aver dato uno sguardo a Common F21 bugs#Upgrade_issues or Common F22 bugs#Upgrade_issues ed aver letto qualcosa riguardo ai bug conosciuti.

Upgrade da Fedora 20 o precedente: i Products

Al fine di scegliere uno dei nuovi prodotti Fedora, FedUp ha una nuova opzione:"--product=<PRODUCT>". Quando si parte da Fedora 20 o precedente per aggiornare a Fedora 21 o successiva, bisogna passare l'opzione --product.

E' possibile usare i seguenti valori workstation, server, cloud o nonproduct. Se si aggiorna a Workstation o Server, tutti i pacchetti che vengono inclusi nella installazione predefinita di quella scelta verranno installati dopo l'upgrade. La propria configurazione del firewall verrà inoltre resettata a quella predefinita del prodotto voluto (Product) (nella Workstation, si tratta di una configurazione discretamente aperta). Se non si desidera resettare la configurazione del firewall, usare il valore nonproduct.

Preparazione

  1. Fare un aggiornamento completo del sistema e riavviare per essere sicuri che qualsiasi modifica kernel sia stata effettuata
  2. Installare Package-x-generic-16.pngfedup
  3. Di solito, meglio prima provare l'ultimo fedup disponibile nei repository stabili. Se si incontrano problemi con l'upgrade ed è disponibile un nuovo fedup nei updates-testing, allora è possibile utilizzarlo
 yum --enablerepo=updates-testing install fedup 

oppure con dnf:

 dnf --enablerepo=updates-testing install fedup
  1. Assicurarsi di usare un kernel fornito da Fedora se possibile -- se si usa un kernel proprio che non ha un corrispondente initramfs, l'upgrade fallirà.

Ci sono tre opzioni per cercare i pacchetti necessari - usare un repository di rete, un file ISO locale od un dispositivo locale (hard drive, disco ottico, etc.).

Important.png
L'aggiornamento da rete è fortemente raccomandato
E' fortemente raccomandato usare la rete invece delle modalità d'aggirnamento offline (ISO, dispositivo locale). L'aggiornamento online assicurerà di ricevere gli ultimissimi pacchetti. In caso contrario, si potrebbe ottenere un mix di pacchetti vecchi e nuovi ed il sistema potrebbe non funzionare adeguatamente.

Rete

Usare una sorgente d'aggiornamento online è il metodo più facile, implica il richiamo dei pacchetti più aggiornati possibile eliminando potenziali intoppi quando il sistema dispone dell'ultimissimo kernel.

Iniziare l'upgrade utilizzando i seguenti comandi

  • sudo yum update fedup fedora-release

oppure con dnf in Fedora 22+:

  • sudo dnf upgrade fedup fedora-release

Se si sta aggiornando da Fedora 20 a Fedora 21, eseguire il seguente comando:

  • sudo fedup --network 21 --product=[workstation | server| cloud | nonproduct]

Se si sta aggiornando da Fedora 21 a Fedora 22, eseguire il seguente comando:

  • sudo fedup --network 22


Una volta completati, controllare che il file /var/log/fedup.log non mostri alcun errore da fedup

File ISO

I rilasci più vecchi di Fedora includevano un'immagine d'installazione con un gran numero di pacchetti, che li rendeva adatti per l'aggiornamento di alcuni sistemi. L'aggiornamento, avviando questa immagine, era possibile fino a Fedora 17, mentre l'uso della stessa immagine con FedUp era supportato fino a Fedora 20. A partire da Fedora 21, il DVD immagine universale non viene prodotto per Fedora 21 e successive; per ora, non ci sono supporti disponibili per gli aggiornamenti offline.

Altri dispositivi

Dispositivi ottici ed altro stoccaggio montabile possono anche essere utilizzati come fonte di pacchetti per le preparazioni.

  1. Montare la sorgente
    • Per esempio, supponiamo che tale sorgente sia montata in /mnt/fedora ma si potrebbe montarla ovunque indicandone l'esatta collocazione.
  2. Iniziare la preparazione eseguendo il seguente comando
    • sudo fedup --device /mnt/fedora --debuglog=fedupdebug.log
  3. Una volta completata, controllare il file fedupdebug.log per sapere se alcun errore è apparso da fedup-cli

Eseguire l'upgrade

  1. Riavviare il sistema se fedup ha finito senza errori.
  2. Dopo il riavvio, ci dovrebbe essere una nuova voce nel menu GRUB titolata System Upgrade.
  3. Selezionare l'opzione System Upgrade
    • Nota: Se System Upgrade non viene mostrato nel grublist all'avvio, è probabile si stia utilizando un Grub differente, spesso installato da altre distribuzioni Linux. Per correggere, reinstallare Grub:
      1. grub2-mkconfig -o /boot/grub2/grub.cfg
      2. grub2-install /dev/sda (rimpiazzare /dev/sda con il proprio dispositivo d'avvio)
  4. Il sistema dovrebbe avviare il processo di upgrade ed uno schermo plymouth dovrebbe apparire
    • Esiste una shell root su VT2 in modo da poter sperimentare con il sistema se qualcosa va storto. (Per disabilitarlo, avviare con rd.upgrade.noshell)
    • Se si preme 'esc', verrà mostrato un log dettagliato del processo; se si torna indietro, rimarrà allo 0% per il resto dell'aggiornamento ma questo non significa che l'aggiornamento si è fermato.
  5. Una volta completato, il sistema si riavvierà ed apparirà un'opzione per l'avvio Fedora 28 nel menu di grub

Pulizia successiva all'upgrade

Vale la pena ricostruire il DB RPM per evitare errori rpmdb checksum quando si fa una sincronizzazione di distribuzione:

sudo rpm --rebuilddb

C'é una serie di cose da fare dopo l'upgrade. Alcune delle quali vengono sistemate facendo una distro sync:

  • sudo yum distro-sync --setopt=deltarpm=0

Se si sta aggiornando a Fedora 22 e successive, eseguire invece il seguente comando:

(Se si usa dnf la prima volta e si sta dietro ad un proxy, aggiungere le impostazioni del proxy stesso in /etc/dnf/dnf.conf)

sudo dnf distro-sync --setopt=deltarpm=0

  • rpmconf cerca .rpmnew, .rpmsave e .rpmorig e chiede cosa farne. Mantiene la versione corrente, vede i diff (differenze) o i merge (giunzioni).

sudo yum install rpmconf

Se si sta aggiornando a Fedora 22 e successive, eseguire invece il seguente comando:

sudo dnf install rpmconf

sudo rpmconf -a

  • Se si utilizza google-chrome dal repository di Google, è necessario re-installarlo a causa di un bug di imballaggio. Assicurarsi di regolare il comando per il tipo di pacchetto che si desidera installare:

sudo yum remove google-chrome-\* && sudo yum install google-chrome-[beta,stable,unstable]

Se si sta aggiornando a Fedora 22 e successive, eseguire invece il seguente comando:

sudo dnf remove google-chrome-\* && sudo dnf install google-chrome-[beta,stable,unstable]

Documenti da fare

  • Scrivere una guida per il debug e la risoluzione dei problemi di fedup
  • Aggiungere note sui driver blob se necessario